Home > Notizie ed eventi > Blocco auto: le caldaie inquinano tre volte di più, basta divieti.

Blocco auto: le caldaie inquinano tre volte di più, basta divieti.

04.10.2019

"L’inquinamento atmosferico è un problema che riguarda tutti e che tutti siamo chiamati a contribuire a risolvere. Le contrapposizioni ideologiche non servono. Serve piuttosto un confronto rigoroso con i dati di realtà. Impedire alle persone e ai lavoratori di muoversi perché possiedono veicoli obsoleti è davvero la soluzione?

Secondo il XIV Rapporto Qualità dell’ambiente urbano - Fonte: Ispra, pubblicato dal Sole24ore, gli impianti di riscaldamento, nel territorio del Comune di Padova e non solo, inquinano fino a tre volte più delle auto, producendo 266,1 tonnellate di pm10 contro 80,8.

E’ questo un motivo sufficiente per decidere di "spegnere" caldaie e caloriferi ai cittadini? No, ovviamente. Perché i costi sociali ed economici sarebbero troppo alti. Per le stesse ragioni, tuttavia, non pare razionale impedire a prescindere l’utilizzo di auto e mezzi commerciali di vecchia generazione.

Più che i divieti servono gli incentivi, la sensibilizzazione, l’ascolto delle persone. E soprattutto gli investimenti. Ma non è possibile che a pagare il conto siano i cittadini meno abbienti, che possiedono mezzi più vecchi degli altri. Non spetta solo a loro risolvere un problema che è di tutti.

Se non posso andare al lavoro o accompagnare mio figlio a scuola con il mio veicolo, allora qualcuno deve consentirmi di farlo in altro modo. Proporre degli sconti, per esempio, per gli abbonamenti ai mezzi pubblici è una buona idea. Ma non può essere l’unica.

Servono percorsi progressivi, visione globale e collaborazione fra associazioni, enti pubblici e cittadini. Le soluzione per vincere l’inquinamento da pm10 vanno elaborate e applicate tutto l’anno, non solo da ottobre a marzo.

In Provincia di Padova, secondo gli ultimi dati ACI, le sole autovetture euro0-euro4 circolanti sono 376.405 (su un totale di 596.161). Troppe per il nostro ambiente, certo, ma anche troppe perché, di punto in bianco, si decida che devono rimanere in garage, lasciando a piedi chi le possiede".

Queste le dichiarazioni di Luigino Baldan, presidente dell’Automobile Club Padova, a seguito dell’entrata in vigore dei blocchi alla circolazione di veicoli euro0-euro4.