Home > Notizie ed eventi > Seggiolini anti abbandono, scatta l’obbligo

Seggiolini anti abbandono, scatta l’obbligo

08.10.2019

Firmato il decreto
Il ministro Infrastrutture e trasporti Paola De Micheli ha firmato il decreto attuativo della norma sull’obbligo di installare a bordo delle auto i seggiolini anti abbandono per i bambini fino a 4 anni di età. Il provvedimento quindi entrerà finalmente in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. "Si tratta del passaggio conclusivo della legge (117/2018, ndr)", si legge in una nota del ministro De Micheli, "dopo l’approvazione del Parlamento con il voto di tutti i gruppi politici, il parere favorevole acquisito dalla Commissione Europea e il via libera dei giorni scorsi del Consiglio di Stato".

In arrivo gli incentivi alle famiglie
Inoltre, sono allo studio le modalità per attuare l’agevolazione fiscale prevista per favorirne l’acquisto ed incrementare le relative risorse. In proposito, già qualche giorno fa, durante un question time alla Camera dei deputati, il ministro aveva annunciato l’intenzione di voler "incrementare le risorse e gli incentivi per l’acquisto del dispositivo, anche prolungando nel tempo le agevolazioni già inserite nell’ultima legge di Bilancio". Si tratta di sistemi di avviso acustico e visivo che entrano in funzione nel caso l’adulto lasciasse distrattamente il bambino a bordo una volta parcheggiato il veicolo.

Ac Padova approva il provvedimento
La notizia, riportata da L’Automobile, trova il pieno favore anche da parte dell’Automobile Club Padova e del suo presidente, Luigino Baldan. "Siamo favorevoli ad ogni provvedimento che consente di salvare vite umane. E’ terribile pensare che, con la diffusione di tecnologie così sofisticate in tanti e diversi ambiti, non si fosse ancora riusciti, attraverso l’introduzione di un meccanismo anche piuttosto banale, a risolvere un problema come quello dell’abbandono dei più piccoli nelle auto dei genitori. Bene anche che all’obbligo sia accompagnato un incentivo da parte dello Stato". Poche settimane fa l’ultima tragedia. Un bimbo di due anni, di Catania, è morto dopo essere stato abbandonato, in auto, per cinque ore.