Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > Al via un’edizione "storica" di Auto e Moto d’epoca

Al via un’edizione "storica" di Auto e Moto d’epoca

23.10.2020

Alla presenza delle più importanti autorità civili e militari cittadine, oggi è stata inaugurata la 37esima edizione di Auto e Moto d’Epoca, la principale esposizionie di auto storiche del nostro Paese.

Per portare i saluti del presidente Aci, Angelo Sticchi Damiani, e dell’Automobile Club d’Italia è intervenuto Luigino Baldan, presidente di Ac Padova: "i complimenti agli organizzatori e ai partner dell’iniziativa quest’anno sono doppi. La tenacia e coraggio dimostrati parlano da soli - ha spiegato Baldan - riuscire a finalizzare un obiettivo così ambizioso, nonostante la crisi e l’emergenza sanitaria in atto, pur garantendo la sicurezza di tutti, è impresa non da poco".

"Grazie a queste manifestazioni e alla grande opportunità che offrono la Fiera e il Centro congressi di prossima realizzazione - ha proseguito Baldan - Padova può aspirare ad essere la capitale dell’auto e della riflessione sulla mobilità. Un riflessione che può giovarsi dei nostri contributi, soprattutto in merito alla sicurezza stradale e alla cosiddetta smart mobility".

Dopo aver salutato i tanti sportivi presenti, a margine dell’inaugurazione del Padiglione Aci Storico, che ospita una mostra dal titolo "L’Ordinario diventa Straordinario", dedicata al genio italiano, Baldan ha ribadito che "l’Aci non è il sindacato degli automobilisti, ma un’associazione di cittadini, utenti della strada, che si occupa di promuovere la sicurezza e il rispetto fra pedoni, ciclisti e conducenti di veicoli. L’Aci - ha insistito Baldan - è sponsor del Giro d’Italia e noi iscritti siamo anche ciclisti, motociclisti e pedoni. Rispettarci a vicenda e rispettare le regole è un dovere che abbiamo tutti".

Fra i gioielli esposti presso il padiglione 3 c’è anche la famosa D46 con cui Tazio Nuvolari disputò la Coppa Brizzi, a Torino, nel 1946: a seguito di un disguido, il volante si staccò e Nuvolari concluse un giro di pista guidando con una chiave inglese sullo sterzo.